Green in Home – 5 Piante per la tua casa

b5a1df69af2cfcb26cce4adb9d6b0931

Quanto mi piacciono le piante in casa. Danno subito un tocco bohémien, purificano l’aria, danno colore, scaldano l’ambiente, danno un senso di relax. E sono belle anche piccole, da posizionare negli angoli di casa, su un comodino, nella libreria, in bagno. L’altro giorno ho realizzato quanto sarebbe bello proporvi delle piccole Green-Box composte da 5/6 varietà di mini piante da appartamento. L’ho trovata un’ idea simpatica, originale ed economica. Con un investimento super contenuto potete dare subito un tocco green alla vostra casa. L’impegno richiesto è minimo. Sono poche le regole da seguire e solitamente la maggior parte delle piante da appartamento sono a prova di pollice nero. Oggi parleremo di 5 cinque varietà differenti. Non vi riempirò di nozioni che poi non ricorderete, partiamo dalle basi. Se poi sarete più curiosi o nel caso aveste bisogno di qualche consiglio potrete sempre contattarmi (anche se il web, non lo nego, è un pozzo di sapienza!). Rimango sempre a disposizione per consigli e perché no, anche per confrontarsi su esperienze green! Non si smette mai di imparare in questo campo.

La luce

La regola generale per le piante da interni è : sì alla luce. Meglio posizionarle in stanze luminose ma non esposte a luce diretta. Spesso potrebbe danneggiare le foglie. Ci sono le eccezioni, naturalmente. Meglio tenerle vicino ad una finestra se velata da una tenda.

La Temperatura

  Sono piante tropicali, soffrono il freddo in inverno e amano il caldo. La temperatura perfetta è tra i 15 e i 20 gradi. Non posizionatele in luoghi dove potrebbero prendere correnti d’aria fredda. Meglio evitare anche la vicinanza ai termosifoni. Caldo si, ma non secco. L’umidità spesso è la vera amica delle piante. Per garantirla sempre, un metodo efficace è quello di aggiungere un sottovaso leggermente più ampio e riempirlo di argilla espansa o ghiaia imbevuta d’acqua. Questa tecnica è utile soprattutto in estate.

L’acqua

1° Regola_Sul fondo del vaso non dimenticate l’ argilla espansa, serve a drenare l’ acqua perchè le piante non amano i ristagni (marciscono le radici!)

2° Regola_Le piante vanno annaffiate quando la terra è secca. Quindi controllate tra una volta e l’altra il grado di umidità della terra. Acqua si, ma solo quando serve.

3° Regola_Estate!!!Ricordate di mettere un po’ d’acqua nei sottovasi dove avrete posto anche l’argilla (vedi “La Temperatura”) controllando che non si creino ristagni. Dovrete anche annaffiare un po’ più spesso, non dimenticatevi di loro! Un piccolo extra: munitevi di uno spruzzino e vaporizzate le foglie delle vostre piante, vi ringrazieranno.

E ora…

LE CINQUE PIANTE DI OGGI

 

Chamaedorea

 

Della famiglia delle Palme, è una delle piante da interni più resistenti. Ama la luce in abbondanza ma non diretta. In inverno ha bisogno che il suo terreno rimanga umido (sempre senza ristagni!) mentre d’estate via all’ innaffiature frequenti. Mi piace perché oltre ad essere così scenografica è una purificratice d’aria, utile a ridurre l’inquinamento domestico. Per farla crescere sana e rigogliosa è consigliata la concimatura 2 volte alla settimana in primavera ed estate.

 

 

Dracaena Marginata

 

Messicana, ha bisogno anche lei di abbondante luce ma non diretta. Ogni volta che la terra si è asciugata annaffiatela. E’ una pianta facile, l’importante è che non fate errori con l’acqua, per questo è importante l’argilla, è un buon aiuto se siete alle prime armi. Se avete dubbi sul quantitativo controllate il sottovaso, se è pieno svuotatelo e siete a posto. Anche questa pianta ci aiuta a mantenere l’aria pulita, ed è così simpatica con tutti quei ciuffi.

 

 

Edera

 

Allontaniamoci da Tropici un attimo e respiriamo i boschi. L’ edera è poesia pura, perfetta sia per esterni che per interni a patto che abbia tutta la luce di cui necessita. E’ l’unica pianta di oggi che vuole almeno 4/5 ore di luce diretta, per poi accontentarsi di luce indiretta durante il resto della giornata. Bellissima, potete lasciarla cadente o farla crescere intorno ad un appiglio a vostra scelta. Io la sto provando in camera da letto, e l’adoro. Ha bisogno anche di un buon livello di umidità, quindi non ama le zone troppo secche e ricordate di controllare la terra annaffiandola quando serve.

 

 

Calathea Makoyana

 

Lei è quella “difficile”. Vuole caldo intenso e umidità. Teme le correnti d’aria. Vuole luce ma non diretta. Io la consiglio per il bagno, zona risaputa umida.  In estate sono fondamentali sia il sottovaso con l’argilla umida sia abbondanti vaporizzate anche sotto le foglie. E’ tosta me ne vale la pena.

 

 

Dieffenbachia

 

Prima di tutto, se dovete maneggiarla, pulire foglie, travasarla, insomma…per toccarla mettetevi i guanti, è velenosa, urticante. Quindi fate attenzione. Però vale il rischio, no? Non vi spaventate, sono anni che vive nelle nostre case e non è mai morto nessuno. Nonostante tutto è una pianta facile da gestire, vuole ambienti luminosi e il terriccio sempre umido, ma teme i ristagni quindi è fondamentale un sottovaso da svuotare all’occorrenza.

 

E se desiderate fare o farvi un regalo speciale potete contattarmi per le GreenBox usando la sezione dedicata ai contatti oppure inviandomi un messaggio sulla mia pagina facebook SoloBelleCose

 

A Presto!

Marlene

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...